“Tommy”: il capolavoro dei The Who compie 50 anni

Il 2019 è un anno davvero incredibile per quanto riguarda gli anniversari nella storia della musica. Quello a cui sono più legato, non può che riguardare la mia band del cuore: The Who!

Il 1° maggio 1969 Townshend e soci pubblicano il doppio disco “Tommy”, il quarto album di studio del gruppo. “Tommy” è il primo grande successo commerciale della band, e sarà presentato in varie forme negli anni a seguire. Nel 1975 il regista Ken Russel dà vita a una versione cinematografica dell’opera, con Roger Daltrey che incarna il ruolo di “Tommy”, gli Who e altre grandi star della musica ad interpretarne i personaggi principali. Per l’occasione Pete registra una colonna sonora con arrangiamenti orchestrali prodotti dai sintetizzatori e nuove parti strumentali incise dagli Who stessi e da altri musicisti. Negli anni ’90, “Tommy” diventa anche un musical.

La storia del disco comincia l’anno precedente la pubblicazione: il 19 settembre 1968 gli Who entrano agli IBC Studios di Londra, per cominciare le registrazioni del nuovo album. Pete Townshend ha preparato le demo di diverse canzoni nel suo home studio, e il resto della band ha fiducia in lui e nel progetto, quindi gli lascia sviluppare le sue idee liberamente. I problemi legali e i costi elevati per i concerti, dovuti principalmente alla distruzione degli strumenti sul palco, hanno reso la situazione economica della band molto precaria. Pertanto “Tommy” deve essere un successo, altrimenti il gruppo sarà probabilmente costretto a sciogliersi.

Il manager del gruppo, Kit Lambert,  incoraggia Townshend a realizzare finalmente un album che abbia la forma di un’opera. Vorrebbe anche coinvolgere un’orchestra, ma Pete si rifiuta: vuole che gli Who siano in grado di riprodurre dal vivo il disco, quindi è necessario che siano incisi solo gli strumenti che gli elementi del gruppo sono in grado di suonare. Alla fine vengono registrate chitarre acustiche ed elettriche, basso, batteria, percussioni varie, pianoforte, organo e alcuni fiati, oltre a varie parti vocali e cori. Il progetto continua a svilupparsi in corso d’opera, tanto che alcuni giorni Pete ha necessità di tornare a casa per produrre nuove demo che sottopone ai suoi compagni il mattino successivo.

Le registrazioni si concludono il 7 marzo 1969, anche se il gruppo avrebbe desiderato produrre ulteriori sovra-incisioni, ma si trova a dover partire per il tour di presentazione del disco, già precedentemente fissato. La copertina del vinile è disegnata dall’artista Michael McInnerney, che realizza anche un libretto interno con i testi e le immagini che illustrano la storia.

1969-Tommy

Pete, nel 1968, descrive così a Rolling Stone la trama dell’album in lavorazione: “So che non mi crederà nessuno, ma io sto davvero pensando di scrivere un’opera rock che abbia per protagonista un giocatore di flipper sordo, muto e cieco. Non sto scherzando, anche se per ora è solo un’idea che ho in testa. Non c’è niente di definito”.

In estrema sintesi, la storia alla base del disco è, appunto, quella di un ragazzo sordo, cieco e muto a causa di un trauma subito in tenera età, che riesce però a percepire le vibrazioni: ciò lo porterà a diventare un campione di flipper e, tornato normale dopo aver superato lo shock, a dar vita a una sorta di movimento religioso, dai cui seguaci verrà poi però abbandonato.

Il disco è caratterizzato da suoni delicati, per la maggior parte acustici, e le parti vocali hanno un sound molto pulito, quasi etereo. Molto più rock sarà invece la versione che la band porterà dal vivo. L’album “Tommy” segna il raggiungimento della maturità compositiva per Pete Townshend, e la definitiva scoperta per Roger Daltrey di un nuovo modo di cantare, oltre che aiutarlo a definire il personaggio di “rock god” che porterà in scena da lì in avanti. L’opera è ormai compiuta.

Who-Woodstock

 

Tracklist

 

Overture

It’s a Boy

1921

Amazing Journey

Sparks

Eyesight to the Blind (The Hawker)

Christmas

Cousin Kevin

The Acid Queen

Underture

Do You Think It’s Alright?

Fiddle About

Pinball Wizard

There’s a Doctor

Go to the Mirror!

Tommy Can You Hear Me?

Smash the Mirror

Sensation

Miracle Cure

Sally Simpson

I’m Free

Welcome

Tommy’s Holiday Camp

We’re Not Gonna Take It

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...