“Selling England by the Pound”: Steve Hackett suona i Genesis degli anni ’70

Goazilla. Mi ha fatto subito sorridere il titolo di questa rassegna musicale. Si tratta della versione per “vecchietti” del Festival di musica indipendente Goa Boa, che si tiene tutti gli anni a Genova. Direi che, visti i miei gusti musicali, rientro perfettamente nel pubblico giurassico di Goazilla!

Il 14 luglio 2019 al Porto Antico arriva Steve Hackett, lo storico chitarrista dei Genesis. Tutte le persone che lo hanno visto live recentemente mi hanno detto che i suoi concerti sono favolosi: vale quindi la pena acquistare il biglietto.

Devo ammettere che non conosco molto dei Genesis e che non sono un esperto di rock progressivo. Ricordo però il fantastico disco “Foxtrot” del 1972, che comprai a vent’anni per curiosare un po’ nella musica del gruppo di Peter Gabriel. È un disco davvero evocativo, e a distanza di tanti anni lo ascolto ancora con piacere. È giunto il momento di approfondire la mia conoscenza della band, assaggiandone un tributo d’autore live. Hackett infatti suonerà interamente l’album “Selling England by the Pound”, uscito nel 1973.

Stasera il tempo non è dei migliori, ci sono nuvole scure che si stagliano minacciose sopra il porto vecchio. Speriamo che non piova. Qualche anno fa proprio qui ho preso una “ramata” d’acqua pazzesca ad un concerto di Cosmo, che venne poi annullato.

Arriva il mio amico Enrico, con cui condivideremo questa esperienza. Ci ingozziamo con un veloce apericena in un bar all’interno dei Magazzini del Cotone e raggiungiamo velocemente l’Arena del Mare. Ci accompagna qualche goccia, che inumidisce i nostri K-way. C’è un po’ di vento, ma niente di preoccupante.

Finalmente arriva Hackett. L’impianto luci fa scintillare lo stage sullo sfondo della notte del porto. Ogni tanto, subito dietro il palco, passa qualche grosso traghetto, che quasi sfiora la banchina, lasciandoci un po’ perplessi. Ma la protagonista della serata è la grande musica, l’atmosfera, e l’incredibile tessitura armonica e ritmica che Hackett e la sua band riescono a creare.

Sul palco insieme a lui, cinque musicisti d’eccezione che sanno rendere lo spettacolo ancora più energico ed emozionante: alle tastiere Roger King (Gary Moore, The Mute Gods); alla batteria, percussioni e voce Gary O’Toole (Kylie Minogue, Chrissie Hynde); al sax, flauto e percussioni Rob Townsend (Bill Bruford); al basso e chitarra Jonas Reingold (The Flower Kings); alla voce, molto abile nel portare sul palco la sua interpretazione di Peter Gabriel, Nad Sylvan (Agents of Mercy).

Ma il vero maestro è senz’altro Steve. È incredibilmente moderno nel suonare la sua Gibson Les Paul, ma non si tratta di una modernità acquisita con gli anni. Un attento ascolto dei suoi dischi anni ‘70 lo mette in luce con chiarezza. È incredibile come tecniche quali il tapping, rese celebri negli anni ‘80 da Eddie van Halen, fossero già naturalmente presenti nel chitarrismo seventies di Hackett. E poi il suono… si potrebbe scrivere un capitolo solo sul suo sound. È un suono moderno, ricco, preciso, e diretto. La padronanza dello strumento, nonostante il passare degli anni, è totale. Non c’è una nota stoppata o fuori posto.

Non c’è divismo questa sera, non ci sono prime donne, c’è solo una musica di gran qualità, capace di coinvolgere e stupire anche persone non esperte di prog rock come me.

Il concerto è suddiviso in tre parti, l’inizio e la fine vedono l’esecuzione di brani solisti di Hackett e di varie canzoni dei Genesis, ma il pezzo forte è la parte centrale, con “Selling England by the Pound”. Chiudendo gli occhi, in un attimo, un viaggio temporale ci porta negli anni ‘70, e ci fa perdere tra le note di una sera piovosa sul fronte del porto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...